Geo Ceccarelli GM BREAK_FAST  e Chief Creative Officier Gruppo Roncaglia commenta i punti chiave del Report ‘La Comunicazione che fa Bene. All’ambiente’

Expert Interviews: Geo Ceccarelli sulla Comunicazione che fa Bene

Con la pubblicazione del Report ‘La Comunicazione che fa Bene. All’ambiente’ abbiamo chiesto ad alcuni professionisti del settore  di commentare i principali punti chiave dell’analisi.

Ecco il punto di vista di Geo Ceccarelli Founder & General Manager BREAK_FAST  e Chief Creative Officier Gruppo Roncaglia

Be Intelligent: quali sono a suo avviso i principali learnings che le aziende e le agenzie possono trarre dall’analisi effettuata da EG Media e The Easy Way?

Geo Ceccarelli Trovo che ci siano almeno due indicazioni importanti che emergono dal report. La prima riguarda la piena consapevolezza delle aziende della necessita di essere fattuali, di abbracciare lo storydoing coinvolgendo l’audience in una visione comune. L’ambiente è senz’altro un buon punto di ingresso per ingaggiare le persone e portarle a bordo. Forse un po’ troppo buono, facile intendo, e questo ce lo dicono tutti gli indicatori in ascesa, compreso il numero di aziende che hanno cominciato a parlarne.

Be Intelligent: ritiene che le aziende abbiano cavalcato sull’onda dell’emozione un tema ormai divenuto popolare (anche grazie all’attivismo di Greta Thunberg) ?

Geo Ceccarelli: Un tema generalista diciamo, capace di attirare l’attenzione e di poter dire, “ehi guarda che stiamo facendo per l’ambiente, tu sei dei nostri?” La parte educational è rilevante e viva. Il fatto che tanti messaggi tutti insieme provenienti da aziende diverse vadano tutti nella stessa direzione senz’altro contribuisce a fare cultura. Sull’ambiente e sulle aziende allo stesso tempo, la miglior forma di comunicazione corporate.

Be Intelligent Ritiene che la complessità (anche lessicale) con cui viene definito in Pubblicità il concetto di sostenbilità stia contribuendo alla diffusione e contemporanemante comprensione del ruolo che essa ha (e avrà) nelle decisioni di acquisto?

Geo Ceccarelli: Si. è l’altro aspetto rilevante che emerge dal report, diretta conseguenza del primo. Il tema è legato alle parole, ce ne sono alcune che sono più utilizzate di altre. Questo perché oggi il presidio delle parole in chiave SEO è importantissimo. Attraverso i motori di ricerca si creano le associazioni, e associare le parole alle aziende vuol dire annoverarle tra i valori delle aziende stesse. Questo passaggio non è banale, l’evoluzione da parola a valore è una miniera d’oro.

Be Intelligent Qual è secondo Lei il formato  più efficace utilizzato dalle aziende prese in esame in questo report per esprime il proprio impegno sull’ambiente?

Geo Ceccarelli Il content marketing si basa sulla costruzione di contenuti che possano alimentare il SEO. Magari non tutte le aziende lo hanno fatto scientemente, ma in questo caso il risultato è comunque positivo. Quanto durerà questo trend sull’ambiente non è dato saperlo. Per certo è un tema che si può flaggare come fatto.

Be Intelligent Quale secondo Lei è la declinazione di sostenibilità che le aziende dovrebbero abbracciare nel prossimo futuro?

Geo Ceccarelli Il prossimo potrebbe essere ricerca, racconterebbe di aziende che pur mantenendo la loro storicità si ammodernano con l’obiettivo di migliorare continuamente il loro prodotto o servizio. La cosa più importante è che le aziende si ricordino di fare qualcosa di etico anche quando non le guarda nessuno.

Se non hai ancora letto il report scaricalo subito. E’ gratis

Se vuoi prendere parte alla discussione contattaci

Se desideri partecipare con la tua azienda, agenzia, centro media al prossimo monitoraggio, o eseguire un approfondimento su un tema o industry specifici, scrivi a : partnership@beintelligent.eu

CREDITS: Image by Lenalaballena

Dal momento che sei arrivato fino a qui
La missione del nostro magazine online è scrivere di come le aziende stanno comunicando il loro impegno per affrontare le grandi sfide del Nuovo Millennio. Dall’emergenza climatica all’ineguaglianza sociale passando per tutte le tematiche incluse nell’Agenda degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, grazie ad algoritmi di intelligenza artificiale, monitoriamo la congruità delle loro affermazioni, cioè se fanno quello che dicono. In un mondo in cui l’informazione veritiera è una merce sempre più rara, pensiamo che i cittadini meritino di avere accesso ad analisi accurate che hanno al centro l’integrità. La nostra indipendenza editoriale significa che la nostra agenda di contenuti viene declinata soltanto per dare voce alle nostre opinioni, sostenute da ricerche approfondite, liberi dall’influenza politica e commerciale di shareholders e proprietari milionari (che non abbiamo). Questo significa che possiamo esprimere opinioni in controtendenza e dare voce a chi ne ha di meno.  Speriamo che questo possa motivarti a sostenerci ogni giorno. Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande che sia, è estremamente utile. Supporta BeIntelligent anche con un piccolo contributo. Grazie!

Sostieni BeIntelligent

Author: elena grinta

Mi occupo di comunicazione da 20 anni, ho lavorato nel marketing di grandi aziende internazionali e italiane e conosco i meccanismi della persuasione pubblicitaria. Ho deciso di investire il mio know how e le mie competenze per usare le risorse che hanno a disposizione le aziende (investimenti ma anche capitale umano) nella trasformazione positiva. Perché agli studenti di tutto il mondo a cui insegno Purpose Brands in Università Cattolica voglio poter dare sempre più esempi di aziende virtuose che hanno investito per il futuro, di tutti (e ce ne sono già molte!). Perché se stiamo a guardare, senza agire, senza responsabilizzarci, non abbiamo scuse.